Congrega dell'Immacolata

La piazza M. Capua, uno degli angoli più interessanti del centro storico, si apre tra sei vie, ricche di nobili dimore e sontuose chiese; si dové definire tra Sei e Settecento, quando furono edificati, in località Capodorto (vale a dire il luogo da cui si scendeva verso le terre della pianura da coltivare) la chiesa dei Morti, la confraternita dell’Immacolata ed i palazzi vicini. La chiesa, edificata a metà del sec. XVIII, costituisce un notevole esempio di arte rococò, nell’accezione moderata che si poteva realizzare in città di provincia come Sarno; fu fatta costruire dai confratelli devoti all’Immacolata dapprima ospitati nel cappellone dell’Immacolata in San Francesco. Nella facciata si noti il portale in pietra, simile per tipologia a quello del vicino palazzo Capua; l’interno, ornato dagli stalli lignei tipici delle confraternite, ospita, tra l’altro, la preziosa statua dell’Immacolata (1696), scolpita dal noto artista napoletano Patalano.

Età

Sec. XVIII

Ubicazione

piazza M. Capua

INDEX

visita l'itinerario di Sarno

zomm